.
Annunci online

lucalombardo
La vera rivoluzione è quella democratica
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


Lottare, lottare, lottare! Programmare, programmare, programmare
28 gennaio 2008
Sergio Romano sul Corsera di oggi conduce un'analisi estremamente lucida della crisi governativa italiana. Mette in luce gli errori di Romani Prodi e chiarisce con estrema franchezza l'impossibilità di formare un governo istituzionale per le riforme ed altresì presagisce quello che un pò tutti noi elettori del centrosinistra abbia paura succeda: la vittoria del centrodestra alle prossime elezioni.
Ma si pone anche un'altra domanda che dobbiamo porci un pò tutti. Se il Partito Democratico dovesse correre da solo alle elezioni cosa succederebbe? Romano ci dà una speranza "gli italiani possono pur sempre servirsene per fare una scelta di campo e dire, ad esempio, quale sia oggi il peso del Partito democratico nella politica nazionale. Chiunque vinca vi saranno ancora coalizioni imperfette, eterogenee e litigiose, ma vi sono circostanze in cui la rapidità ha il vantaggio di dimostrare che i meccanismi della democrazia funzionano e che la decisione, in ultima analisi, spetta agli elettori".

Confidiamo ancora nel governo di responsabilità per dare una base democratica all'Italia, ma forse, il voto gioverebbe anche al Partito Democratico. Certo la strada è in salita ed è dura. Ma prospettando un programma alternativo alle destre e soprattutto attraverso la proposizione all'elettorato del nostro senso dello Stato allora possiamo far avverare un miracolo: dare al Paese la possibilità di godere di 5 anni di riforma, cominciando a mettere in piedi un progetto di bipolarismo in questo paese. Dando maggiore credibilità al nostro paese ed alla sua politica, operando una vera e propria rivoluzione morale ed etica della classe dirigente, facendo delle riforme strutturale del sistema paese a cominciare da un sano federalismo fiscale, stabilendo un piano energetico e dei rifiuti.

Certo le speranze non bastano, ma perchè dobbiamo credere che la battaglia è già persa in partenza? Dobbiamo mettere in piedi un progetto serio di riforme, un progetto che sappia parlare agli italiani, che sappia evidenziare i problemi di cui soffre il paese e che sappia dare delle soluzioni.



permalink | inviato da lucalombardo il 28/1/2008 alle 18:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio